le gelate

Un problema per l'agricoltura

Gener

Le gelate sono fra le principali cause di stress abiotici che limitano la produzione agricola mondiale.

Queste di solito si verificano in primavera a seguito di periodi con temperature sopra la media che spingono il ciclo vegetativo degli alberi da frutto, i quali con l’abbassamento repentino delle temperature sotto gli 0 °C, provocano gravi danni alle coltivazioni.

Le gelate si distinguono in tre tipologie:

• Per avvezione ovvero a seguito dall’improvvisa irruzione di aria gelida dai quadranti settentrionali specie nelle prime ore dell’alba, associate a condizioni nuvolose, venti da moderati a forti, nessuna inversione di temperatura e bassa umidità;
• Per irraggiamento causate dalla perdita di calore dal suolo durante il giorno, il quale durante la notte, con l’abbassarsi delle temperature sotto 0 °C, si “leva” dal suolo verso l’atmosfera, stabilizzandosi a un’altezza di 10 mt circa, raffreddando così gli strati più vicini allo stesso;

• Per evaporazione quando le piante sono ricoperte da uno strato bagnato (pioggia o rugiada) e si verifica un abbassamento repentino delle temperature per cause attribuibili all’arrivo di aria gelida artico-continentale.

Una efficiente risposta alle gelate sono i ventilatori GENER, costituiti da una torre, un motore collocato alla base della macchina, contenuto all’interno di una cabina in acciaio, da un serbatoio di carburante, da un pannello di controllo, da una serie di sensori che lo rendono tecnologicamente avanzato e da un’elica posta in cima alla torre.

I ventilatori antigelo, lavorando in piena armonia con la natura, eseguono il trasferimento di calore a conversione forzata rimescolando l’aria fredda che staziona sulla superficie coltivata con l’aria calda stratificata a circa 10 mt d’altezza, aumentando la temperatura al suolo ed evitando i potenziali danni fenologici alle piante. Grazie alla possibilità dell’elica di ruotare anche secondo l’asse verticale della torre viene generata un’area di copertura di 360° (forma ellittica) nelle zone circostanti alla macchina.

Prima dell’installazione dei ventilatori è opportuno effettuare uno studio che prenda in considerazione la direzione della brezza notturna, la morfologia dell’area da proteggere ed ogni altro elemento che possa influire sulle gelate. In presenza di più ventilatori, il progetto deve svilupparsi lungo uno stesso asse al fine di ottenere la massima efficacia e i migliori effetti di sovrapposizione.

Laddove l’inversione termica non dovesse risultare sufficiente a scongiurate l’esposizione delle piante a temperature negative è consigliabile abbinare al ventilatore il bruciatore GENER in grado di emettere fino a 1.600.000 cal/h.